Casetta

‘Mamma, facciamo la casetta??’.

Ricordate quella sensazione di quando si è piccoli ed avvolti dentro una calda coperta? O quando, da piccoli, si giocava a nascondersi ‘nella casetta’? Che fosse una vera casetta a misura di bambino o un sottoscala o semplicemente un piccolo passaggio tra due cespugli… che bello che era!

Sentirsi avvolti in qualcosa di morbido e caldo o nascosti in un luogo ‘magico’, credo siano tra i ricordi più indelebili dell’infanzia.

In casa mia, con l’arrivo dell’autunno, la notte fa piuttosto freschino per cui conviene stringersi nel lettone per non restare scoperti da chi, muovendosi e rigirandosi, si porta dietro tutto il lenzuolo!

E così i miei bimbi hanno deciso di inventare il sistema ‘della casetta’.

In pratica leghiamo le due estremità del lenzuolo con cui ci compriamo e poi ci infiliamo ‘dentro la casetta’ che abbiamo creato. 🏠

In questo modo, essendo tutti e tre avvolti nel lenzuolo, nessuno resta completamente scoperto durante la notte (né rischia di fare un ruzzolone giù dal letto!).

Da stanotte penso che il gioco della casetta finirà per lasciare posto al trapuntino, se non vogliamo patire il freddo, ma il gioco della casetta credo mancherà più a me che ai miei bimbi.

In fondo, ‘la casetta’ è stata solo un pretesto molto tenero per stare tutti e tre vicini, caldi ed accoccolati.

Buona giornata cari bloggers!

12 commenti

  1. Mi hai fatto emergere un ricordo di infanzia, quando la domenica mattina i miei genitori mi ospitavano nel lettone ed io, piccolo, chiedevo appunto che facessero “la casetta”.
    Quanti anni son passati!

  2. Che ricordi!
    Io e mia sorella, da piccoli, avevamo una casetta (simile a quella dell’immagine che hai caricato tu) tutta verde nella quale ci nascondevamo per non farci trovare dalla mamma.
    Della serie: “Viva l’ingenuità!”
    E poi ne costruivamo alcune con mollette e lenzuola (o tela cerata, quando pioveva) intorno al dondolo o allo scivolo! 🙂

    1. 😊 Che cosa tenera! Condividerla con un fratello o una sorella, poi, è ancora più divertente. Vedo i miei bimbi che con 4 sedie ed un lenzuolo creano un rifugio, quant’è bella la fantasia dei bambini.

  3. Certo che te le inventi proprio tutte per farli felici!
    Che brava mamma sei!
    Ricordo una notte di Pasqua, ero piccola, stavo nel lettone con i miei genitori, mamma dormiva, papà ed io, abbracciati eravamo svegli e sentimmo nella notte le campane suonare a festa! È un ricordo indelebile per noi e lo ricordiamo ogni anno! 🥰

    1. Che cosa tenera Vale! Io li chiamo i ‘ricordi base’, rifacendomi al cartone della Disney “Inside Out”.
      Sono come dei tatuaggi nella mente… sul corpo non mi piacciono, ma quelli dei ricordi sono speciali.
      Un abbraccio! 🤗

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Viaggi Ermeneutici

Romolo Giacani

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

©STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

Petali Azzurri!

*I Petali delle Rose...quando cadono...diventano Angeli Silenziosi.*

il SOCIAL apatico

appunti sconclusionati

DIARIO CLANDESTINO

ANDARE, OSSERVARE, RACCONTARE

La Scimmia Umana

Una scimmia qualunque.

Di Bellezza e atti di gentilezza gratuita

"La Bellezza salverà il mondo" diceva Dostoevskij e io ci credo! Venite con me e anche voi scoprirete che è proprio così.

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

Paul Militaru

Photography Portfolio

PENSIERIALLAFINESTRA

Mai dire farò, ma fare

Il Buio Dentro

diario di un abusato

Il blog di Alice Spiga

Amo scrivere, vivo scrivendo

Racconti brevi di vita quotidiana ( spero allegri ed umoristici) aforismi pensieri idee di un allegro pessimista

Guai a prendersi troppo sul serio. Racconti allegri pensieri idee di un allegro pessimista

Nemesys

Il mio modo di esserci

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: